Diventa fan di Bosaonline su Facebook
Bosa, citta di mare e di cultura

Sa Costa

Clicca la Foto per Ingrandire

Nella Foto: Il quartiere di Sa Costa inviata da ilVilla

  •      

SA COSTAse sei l'amministratore di questo sito puoi modificare il contenuto di questa pagina

Sorto tra il 1500 e il 1600, il borgo feudale di Sa Costa è uno dei pochi centri storici rimasti intatti in Sardegna.

La parte più antica, è quella che, iniziando dal castello, si estende fino a via del Carmine mentre le case prospicenti il Corso Vittorio Emanuele si sviluppa nel ‘700 e, solo successivamente, nell'‘800, sorge la zona che si affaccia sul fiume Temo. Il quartiere è delimitato da due scalinate poste alle sue estremità: a est "s’iscala ‘e sa rosa" e a ovest "s’iscala ‘e s’ainu" che conducono in prossimità del castello. Il rione è formato da stradine acciottolate che seguono le curve altimetriche del colle e scalinate in trachite che interrompono il percorso orizzontale.

La struttura delle case è elementare. Esse sono disposte verticalmente, a schiera, orientate verso Nord e hanno spesso una stanza per piano con una scala interna ripidissima. Alcuni vani sono costruiti sotto la roccia e generalmente sono adibiti a servizio igienico, a cantina. La cucina con il forno per la preparazione del pane si trova all’ultimo piano.

La facciata, di colore pastello, spesso è decorata in trachite rossa. Alcuni architravi sono scolpiti con bassorilievi o stemmi il più antico dei quali si trova in via Sant'Ignazio e reca la data del 1580. Ogni casa possiede in genere due ingressi posti su due livelli traslati: uno sulla strada a monte, l'altro su quella a valle.

La seconda settimana di settembre si celebra la festa di Regnos Altos e lungo le vie di Sa Costa si allestiscono "Sos altarittos", piccoli altari ornati di fiori e impreziositi dai ricami di filet.

 



+

WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!